Le piattaforme online indicate nella prima parte di questo approfondimento possono aiutare a risparmiare anche in maniera considerevole sulla propria sistemazione a Verona.

Questo perché hanno a disposizione sconti particolari per gli utenti fedeli, oppure promuovono alcuni alloggi per pubblicizzarli (potrebbero essere da poco sul mercato).

In più, ci sono alcune accortezze che è possibile osservare per risparmiare ulteriormente:

  • prenotare la stanza o l’appartamento almeno 30 giorni prima: si otterrà uno sconto analogo a quello praticato a chi compra biglietti aerei con largo anticipo. Se avete pianificato il viaggio a Verona da tempo, potrebbe essere la strategia giusta per voi;
  • soggiornare anche di domenica: se la vostra prenotazione comprende una domenica, avrete un risparmio perché è il giorno in cui gli hotel, in particolare, hanno meno clienti. Ne conseguono tariffe più basse;
  • meglio in bassa stagione: va da sé che una città d’arte come Verona avrà prezzi più bassi nei momenti dell’anno in cui il turismo di massa non è in arrivo nella vicina Venezia. Se si vuole risparmiare, anche questo va considerato;
  • … ma occhio al calendario: anche in bassa stagione, potrebbero esserci degli eventi che attirano moltissimi visitatori: per esempio Verona Cavalli a novembre, o Vinitaly in aprile. Tenetene conto!

Siti ufficiali degli hotel: sì o no?

Le piattaforme di prenotazione online, a parte rare eccezioni, chiedono una commissione agli hotel o alle case vacanze che si appoggiano a loro per promuovere le proprie stanze e, più in generale, i propri spazi. Per questo controllare il sito ufficiale della struttura, se presente, potrebbe permetterci di risparmiare: qui non ci sono tariffe extra da pagare al sito che fa da intermediario.

Naturalmente non esistono nemmeno le offerte dedicate ai clienti fedeli che potrebbero esserci su portali come, ad esempio, Booking. Per questo il nostro consiglio è di comparare le tariffe prima di scegliere l’uno o l’altro indirizzo.